giovedì 6 febbraio 2014

Quattro nominations agli AGS Awards 2013 per la Miciosegone


Citando Homer Simpson: "Allora a volte anche alle persone cattive succedono cose belle!", questo perchè molte persone mi considerano la pecora nera delle avventure grafiche o addirittura "il male".
E' stata una sorpresa più che inaspettata quando un paio di ore fa il mio amico Andrea Ferrara mi ha telefonato per dirmi che non solo uno dei miei giochi era stato nominato agli AGS Awards, ma bensì entrambi e in due categorie ciascuno.
Un'ora prima ero andato sul forum di ags per controllare se avevano gia' contato i voti, ma ero arrivato troppo presto e mi ero già rassegnato al "Tanto finisce come tutti gli anni!" e invece...
Quest'anno avevo deciso di non spammare a destra e sinistra come tutti gli anni, supplicando ogni mio conoscente di votare, in primis perchè sarebbe stata la quarta/quinta volta e avrei rotto non poco gli zebedei a molte persone, in secundis perchè il sistema per votare era molto rognoso e richiedeva di registrarsi al forum di AGS superando un noioso questionario.

Come illustra l'immagine, sia A Cat's Night 2 che The Path of the Pumpkin sono nominati come miglior Character Art, inoltre The Path of the Pumpkin come miglior protagonista e A Cat's Night 2 come miglior Gameplay.
Personalmente io ho già ottenuto quello che volevo ed è come se avessi già vinto perchè finalmente il mio duro lavoro e le mie capacità sono state riconosciute.
D'altro canto avevo promesso a un paio di persone che se anche quest'anno non avessi ricevuto nessuna nomination probabilmente mi sarei ritirato del tutto dal mondo delle avventure grafiche (idea che ho in mente già da tempo), principalmente perchè i tempi sono cambiati e le mie avventure non rientrano nei canoni dei giocatori moderni che preferiscono le porcherie della Telltale (la morte del genere), ma a quelle stesse persone promisi anche che se fosse arrivata anche una sola nomination (ero  sicuro al 99% che non sarebbe successo) avrei fatto T-REX e Muscle SAM 2; quindi ora ho le mani legate ahimè.

Colgo l'occasione anche per congratularmi con Andrea Ferrara che ha visto il suo Donald Dowell farsi largo in praticamente ogni categoria in cui era elegibile, ad Ancient Aliens e a Monty the Komodo Dragon, è bello vedere come quest'anno non è stato tutto dominato da un solo gioco commerciale (beccati questo Primordia) ma c'e' stato posto per tutti e soprattutto per molti giochi che sono fatti veramente con il cuore.

Sono talmente contento che mi comporterò in modo sportivo ed eviterò di mandare a quel paese i soliti babbioni che hanno boicottato The Path of the Pumpkin e A Cat's Night 2 (in Italia ovviamente), i fatti parlano da soli, gli incompetenti siete voi.



8 commenti:

  1. Complimenti Pietro e Claudio!!!!
    ... soprattutto..... Ormai ti sei freg***to da solo :D
    Devi fare TRex e Muscle Sam 2!!!! Che se ben ricordi era, nonostante tutto, il gioco che a me era piaciuto di pù! Amo quei due! E amo anche il loro fumetto! Mi fa spaccar dalle risate!

    RispondiElimina
  2. Ne approfitto anche per confrontarmi con te sul caso Primordia.
    Gli AGSers evidentemente non hanno gradito il fatto che sia stato aggiunto al database nel 2013, pur essendo uscito nel 2012. La motivazione addotta è stata una dimenticanza. Seppur plausibile, forse i membri della community hanno pensato che fosse un modo per non sfidare resonance e the cat lady lo scorso anno... che ne pensi?

    RispondiElimina
  3. Che hanno fatto bene, anche perchè il personaggio che ha fatto quest'operazione è una pessima persona che si è preso gioco di me un paio di volte sul forum di ags, ognuno ha ciò che si merita.

    RispondiElimina
  4. Ho capito a chi ti riferisci. ma la di là di questo, cosa pensi sia stato determinante per non vederlo nemmeno in una nomination?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sicuramente l'hype era passato considerando che è uscito da ormai due anni quindi non ha giocatori che l'hanno finito da poco, poi sicuramente quest'anno i giochi commerciali hanno avuto un riscontro negativo più degli altri anni per via del dibattito e relativo sondaggio che probabilmente il prossimo anno porteranno a uno split delle due categorie.
      Aggiungiamo che qualcuno non avrà sicuramente apprezzato l'escamotage per partecipare e che probabilmente hanno preferito chi si è fatto un mazzo così per riuscire a fare uscire (realmente) il proprio gioco in tempo per la competizione, infine aggiungerei che non sono l'unico che ha antipatie personali per il soggetto in questione; direi che è stato un insieme di tutti questi elementi.

      Elimina
  5. Ottima analisi. Io non ho mai avuto a che fare con il nome duale, ma ho letto parecchie sue risposte un po' "da interpretare (cioè che non mi sembravano simpaticissime). Cmq la tua analisi mi trova d'accordo. anche econdo me è stato un insieme di quei fattori. In fin dei conti si sono fatti tutti il sedere per uscire in tempo... compreso me ed Heroin's quest: io sono uscito il 18 dicembre (nella versione inglese, quella italiana era di maggio) e loro il 25 dicembre ... freeware per giunta!!

    RispondiElimina
  6. Infatti credo che il sondaggio sul dividere commerciali da free abbia infiammato molto gli animi, oltre ad aver mostrato che la maggior parte della gente vorrebbe questa divisione, e lo credo bene.
    Non ho nulla contro chi monetizza sul porprio gioco ma bisogna distinguere i risultati ottenuti anche da quello che si è investito, cioè i piccoli team pagano professionisti che lavorano a tempo pieno, non sono team di amatori che lavorano al loro progetto solo nei ritagli di tempo; o addirittura come nel nostro caso dei team di una sola persona che non ha titoli di studio o esperienze di programmazione e improvvisa e sperimenta (sempre nei ritagli di tempo).
    Infatti in tutte le nomination compaiono solo un paio di giochi commerciali (Cospirocracy e Richard e Alice mi pare), invece un gioco di cui mi ha sopreso tantissimo l'assenza è Breakage.

    RispondiElimina
  7. Cavolo è vero Breakage!
    Ora che ci penso è davvero strano che non ci sia!
    The Boom che compare in un po' di categorie è un gran bel gioco.
    E anche the art of dying è bello. Credo sia il primo "non adventure" che becca l nom per il best game created with AGS.

    RispondiElimina

I commenti devono essere approvati.